Milano: liberali e radicali chiedono di affiggere una targa all’esterno dell’abitazione che fu di Enzo Tortora

marnini nccCarlo Marnini, neo segretario cittadino del Partito Liberale Italiano, èpartito liberale italiano infaticabile. Martedì scorso si è fatto promotore di una manifestazione in piazza della Scala davanti alla sede del Comune di Milano, continua a lavorare nelle zone a contatto coi cittadini (cosa che i partiti tradizionali rappresentati nelle istituzioni non fanno…).  Ecco un’altra iniziativa di Marnini: “come segretario cittadino del Pli ho firmato la richiesta per la targa in memoria di Enzo Tortona da esporre all’esterno della sua abitazione.. Giusto riconoscimento per un uomo giusto che ha sofferto ingiustamente”.

Marnini ha scritto una lettera al Presidente del Consiglio comunale di Milano, di concerto con l’associazione Maryan Ismail ed altre associazioni radicali.

“Egregio Presidente Bertolé,
ci rivolgiamo a Lei per fare un appello a tutti i Capogruppo del Consiglio Comunale di Milano. Lo scorso 11 ottobre il Vice-Capogruppo di Forza Italia Alessandro De Chirico ha depositato una mozione che chiede di affiggere una targa all’esterno della abitazione che fu di Enzo Tortora a Milano, al fine di ricordare la sua vicenda. Come sa lì Tortora fece gli arresti domiciliari, la campagna elettorale per il Parlamento Europeo e sempre lì morì.  Chiediamo, attraverso di Lei, ai capigruppo di calendarizzare al più presto la mozione e di agevolare il voto delle mozioni già calendarizzate per arrivare al più presto al voto su questo atto di riconoscimento del valore di una storia non solo milanese ma italiana. Ovviamente se l’Assessore competente volesse utilizzare i poteri che ha per esaudire di sua iniziativa questa richiesta, magari a seguito di una comunicazione dei capigruppo relativa a un loro ampio consenso alla stessa, non ci opporremmo a questo risparmio di lavoro per l’aula.
Distinti saluti,
Carlo Marnini, Segretario Partito Liberale di Milano (con sostegno del PLI)
Maryan Ismail, iscritta al Partito Radicale
Gianni Rubagotti, Segretario Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”
Mauro Toffetti, Presidente Associazione “Opera Radicale”
Fabrizio Pesoli, Segretario Associazione “Opera Radicale”
Alessandro Celuzza, Tesoriere Associazione “Opera Radicale”

 

Da parte mia non posso che sottoscrivere sia come addetto stampa del Pli per Milano e provincia, che come direttore editoriale di storiaradiotv (portale dedicato alla storia della tv) che come Presidente dell’Associazione Sosteniamo Milano.

 

Ho subito avuto contatti con gli amici Wally Giambelli ed Angelo Costanza dell’Associazione Amici di Renzo Villa, nonché con altre associazioni e persone che hanno lavorato con Enzo Tortora o che l’hanno conosciuto.

 

 

Enzo Claudio Marcello Tortora nacque a Genova il 30 novembre 1928, aderì al Partito Liberale ma era un giornalista libero, uno dei pochi nella storia italiana. Enzo pagò diverse volte la propria indipendenza e il non appartenere ai due pachidermi monopolizzatori (Dc e Psi), iniziò a lavorare in radio con l’emittente radiotelevisiva di Stato nel 1953, poi passò in tv. Fu cacciato dalla Rai (Enzo si non Beppe Grillo che non è mai stato cacciato dall’azienda televisiva di Stato) per ben due volte. La prima nel 1962 a causa di un’imitazione di Alighiero Noschese di Amintore Fanfani (Tortora non impedì la messa in onda di tale imitazione), la seconda nel 1969 quando in un’intervista al settimanale Oggi definì la Rai ” un jet colossale pilotato da un gruppo di boy  scout che si divertono a giocare con un comando”.  Dopo avere collaborato con La Nazione, Il Resto del Carlino, L’Intrepido, fu pioniere delle prime tv locali (Telebiella, Telealtomilanese, Antenna 3 Lombardia), tornò in Rai dopo otto anni con Portobello.  Il 17 giugno 1983 venne ingiustamente arrestato. Dopo un calvario giudiziario sarà assolto nel 1986 tornò in tv nel 1987 con Portobello ma, vittima della malagiustizia si spense nel 1988. Nel 1984 Tortora si candidò al Parlamento europeo con i radicali:

“ero liberale perché ho studiato, sono radicale perché ho capito”

 

Carlo Marini interverrà lunedì 12 novembre alle ore 17,30 su Radio Free nella trasmissione L’angolo della scuola.

Vi aspetto ogni lunedì alle 17,30 su Radio Free
http://www.radiofree.it
Repliche mercoledì alle 13 su Radio Blu Italia
http://www.radiobluitalia.net
Repliche giovedì alle ore 18 su Radio Italia Stoccarda Musica Italiana
http://www.radioitaliastoccarda.de
e sabato alle ore 22 su Radio Hemingway
http://www.radiohemingway.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...