Decreto sicurezza: pronta l’espulsione per i parlamentari grillini che non lo voteranno

Giovedì 7 novembre alle ore 18 su Radio Italia Stoccarda ospite della trasmissione L’angolo della scuola sarà il giornalista de La Stampa di Torino Jacopo Iacoboni con il quale si parlerà di scuola (è stato allievo del filosofo liberale Lucio Colletti) e della sua carriera giornalistica. Iacoboni nel 2008 ha scoperto un allora sconosciuto a livello nazionale Matteo Renzi e ha seguito il primo V day di Beppe Grillo quando il Movimento 5 Stelle non era ancora nato. Quindi ha seguito la nascita e l’affermazione del M5S scoprendone i retroscena non noti agli elettori: il ruolo della Casaleggio Associati nell’usare lo stesso Grillo e tutti gli attivisti, il conflitto di interessi della Casaleggio Associati, trame internazionali, infine, ancor prima del voto del 4 marzo, Iacoboni (unitamente a Mario Calabresi direttore de La Repubblica e a Massimo Emanuelli) ha anticipato l’ipotesi di un governo Lega/Movimento 5 Stelle.  Incalzato da Emanuelli, Iacoboni spiegherà cosa è il Movimento 5 Stelle, le sue trame internazionali, il ruolo della Casaleggio (è stato lui per primo a parlare di successione dinastica fra Gianroberto Casaleggio e il figlio Davide. Si parlerà delle espulsioni fino ad arrivare alle recenti.

Vi aspettiamo giovedì 8 novembre alle ore 18 su Radio Italia Stoccarda
per seguirci cliccate
http://www.radioitaliastoccarda.de

“Chi non vota la fiducia al governo M5s-Lega va espulso? Saranno i probiviri a definire questa decisione”. Così il presidente dell’Associazione Rousseau Davide Casaleggio, dopo le tensioni nel gruppo pentastellato sul decreto Sicurezza, dove l’esecutivo ha deciso di porre la questione di fiducia, come anticipato da alcune fonti interne. Era stato il deputato a 5 Stelle Stefano Buffagni a replicare duramente al senatore Gregorio De Falco, insieme a Paola Nugnes, Elena Fattori e Matteo Mantero tra i critici sul provvedimento voluto da Matteo Salvini: “De Falco si assumerà le sue responsabilità. Se non si ritrova, sono certo che si dimetterà e tornerà a fare il suo lavoro”, aveva rivendicato Buffagni. Ma Casaleggio, interpellato sul tema, ha tagliato corto: “Fiducia e rischio espulsioni? Non mi sto occupando io di questo. Forzatura come dicevamo in passato? Chiedete a chi se ne sta occupando…”. Seppur precisando: “Non sono tanti a non voler votare” il decreto.

Il sottosegretario pentastellato Stefano Buffagni e Gianluigi Paragone si rivolgono ai dissidenti: “Un voto di segno ostile alla fiducia li metterebbe in una posizione di estraneità alla maggioranza e poi dovrebbero prendere decisioni conseguenti e se invece di votare, come sembra, usciranno dall’Aula è un segnale politico che comunque dovranno spiegare”.
Nicola Morra minimizza i malumori 5stelle: “Le parole di Buffagni? Non le commento ma non sono minacce rivolte ai senatori dissidenti”. Paola Nugnes lasciando Palazzo Madama afferma: “Io ho fiducia nel governo ma, poiché questa mi è chiesta su questo decreto, mi asterrò dal dare il voto, perché io voterei contro questo decreto”. Il senatore Mantero preferisce non rilasciate dichiarazioni e Gregorio De Falco afferma: “Non parlo più fino alla fine di questa vicenda”

Vi aspettiamo giovedì 8 novembre alle ore 18 su Radio Italia Stoccarda
per seguirci cliccate
http://www.radioitaliastoccarda.de

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...