Insulti di attivisti 5 Stelle, Marika Cassimatis denuncia gli haters

cassimatisMarika Cassimatis, candidata alle  primarie sindaco  di Genova per il Movimento 5Stelle nel  2017  regolarmente vincitrice delle comunarie, giubilata da Beppe Grillo che poi impose un suo candidato di fiducia con un “fidatevi di me” degno di una Repubblica delle banane, ad oltre un anno di distanza dal polverone sollevato per la sua mancata candidatura con il Movimento 5 Stelle, ha sporto denuncia inoltrando un esposto in procura contro una decina di persone che su Facebook, ma anche Twitter, le rivolgono accuse e insulti. “Mi danno della ladra” e di avere fatto tutto solo per interessi economici, oltre a una serie di insulti che non è il caso di riportare. Per un pò ho fatto finta di nulla, ma gli epiteti e le frasi ingiuriose continuano, l’ultimo ancora meno di una settimana fa, e ho deciso di muovermi”.
beppe grillo movimento cassimatisL’ex candidata ha presentato una querela nella quale riporta i nomi degli haters nel documento. “La cosa che mi stupisce – continua Cassimatis – è che alcune parole cambiano, ma il nodo centrale delle frasi è sempre lo stesso. Sembra che ci sia una regia unica di tutti questi profili. Alcuni di questi commentatori sono stati “ospitati” anche nelle bacheche di un consigliere regionale del M5s. Spero che la polizia postale e i magistrati riescano a risalire agli autori”.

cassimatisI “leoni da tastiera”, stolker pentastellati non sono nuovi a queste azioni, vi è poi una campagna diffamatoria nei confronti di chi, proveniente dal Movimento o indipendente abbia tentato di fare una lista civica. A Milano, per quel che mi riguarda, ho dovuto querelare una persona (reale) che in chat scriveva calunnie sul mio conto che nemmeno gli avversari politici (tutti visto che sono totalmente indipendente) rivolgevano nei miei confronti. E che dire degli ignoranti che scrivono minacciando, insultando, etichettandomi ora con una parte politica ora con l’altra a seconda di chi intervisto in radio o in tv?

Il clima d’odio che impera in Italia è stato originato come rileva giustamente il giornalista de La Stampa Jacopo Iacoboni (presto nostro ospite a L’angolo della scuola) proprio da attivisti pentastellati.  Persone che non hanno nulla da fare tutto il giorno, essendo disoccupati e che vivono in rete.  Si arriva anche agli episodi di violenza: Giovanni Frasca, sostenitore della Cassimatis, è stato minacciato di essere picchiato con un tirapugni, anch’egli ha sporto denuncia, un mio candidato al Municipio 5 alle elezioni di Milano 2016, venne minacciato con un coltello da un attivista 5 Stelle che disse: “io non ho niente, ho solo il Movimento, per il Movimento sono disposto a tutto, anche ad uccidere”.  Sia chiaro non penso che ciò parta dai vertici ma da esaltati che agiscono a titolo personale, comunque il clima d’odio non riguarda solo attivisti 5 Stelle, anche se loro hanno iniziato. Esistono dei frustrati che anche al di fuori della politica stolkerizzano persone. In merito a post politici devo però segnalare che, pur essendo critico con tutti, mai elettori della Lega, di Forza Italia o del Pd, minacciano e insultano in rete.

Questi stupidi e violenti tentativi di metterci paura non ci fermeranno, sabato 3 novembre alle 22 siamo in onda con L’angolo della scuola su Radio Hemingway. Per seguirci cliccate

http://www.radiohemingway.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...