Pensioni: congelata la quota 41?

Oggi è andata su Radio Blu Italia Australia la puntata con una rappresentante del comitato 41 per tutti lavoratori uniti. Con le goliardate dell’imitatore Gianfranco Guarnieri abbiamo però affrontato un argomento serio con la rappresentante dei lavoratori precoci che si diceva certa del “lavoro dei ragazzi” sulla quota 41. In campagna elettorale si era promesso “quota 100 e quota 41 senza se e senza ma” abbiamo riascoltato una vecchia intervista a Matteo Salvini nella quale diceva “se non abolisco la legge Fornero datemi del buffone”. La rappresentate dei lavoratori precoci si è detta certa di Di Maio e dei “ragazzi” a quanto pare però, pare non ho certezze, aspettando quota 100 il rebus pensioni è legato proprio alla quota 41 e alla collocazione dei lavoratori precoci che da anni attendono una soluzione. La manovra pensionistica non dovrebbe includerli e per loro risulterebbe complicato a accedere a quota 100 visto che, dovrebbero attendere molti anni per il raggiungimento dei requisiti. Nel breve periodo il governo Lega-M5S sta valutando l’ipotesi di un congelamento dell’adeguamento dei requisiti all’aspettativa di vita (vedi sotto) che a partire dal 2019 determinerà un aumento di ulteriori cinque mesi dell’età pensionabile. poi il prossimo anno la discussione su quota 41 che potrebbe diventare quota 42 (anni di contributi) verrà presa in esame.

quota 41

Mentre eravamo in onda un paio di persone (senza ascoltare quel che dicevano gli ospiti, rappresentante dei precoci e gli altri ospiti) scrivevano sui link della trasmissione le loro certezze. Senza leggere né ascoltare scrivevano in un italiano sgrammaticato e formulavano ipotesi che gli stessi politici (prudenti) non hanno ancora precisato. Da parte nostra usiamo prudenza, la citazione di Boskov non è stata capita. “Partita finisce quando arbitro fischia”, “è legge dopo approvazione Camera, approvazione Senato, firma del Presidente della Repubblica e dopo 15 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale”. Ancora una volta alcuni elettori si dimostrano ignoranti (nel senso di ignorare, ignorare la lingua italiana e la Costituzione italiana). Bene fanno i politici ad usare prudenza, loro sanno benissimo che l’iter per qualsiasi legge è lungo. Da parte nostra continueremo ad informare e quando la legge sarà fatta vedremo e giudicheremo. Si rimane comunque fermi a “quota 100 e quota 41” senza SE e senza MA. Se così sarà saremo i primi a fare un plauso a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio.

Per la scuola si profila un turn over storico. Quota 100 pensioni farà un gran bene al sistema scolastico. Lo spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. Ecco perché. “Nelle intenzioni di M5S e Lega vi sarebbe la possibilità di consentire l’uscita dal lavoro nel 2019 dai 400 mila ai 600 mila lavoratori. Ciò darebbe il la ad un ricambio generazionale senza precedenti: tra docenti, Ata e dirigenti scolastici vi sarebbero 200 mila dipendenti delle nostre scuole pubbliche da sostituire. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, l’attuazione della manovra dovrà necessariamente essere fatta senza far perdere un euro ai lavoratori che ne beneficeranno e renderà ancora più impellente l’esigenza di riaprire le GaE, considerando che i concorsi il prossimo anno non saranno ancora terminati e scongiurando in tal modo che le supplenze raggiungano livelli assurdi. Per il comparto scolastico, inoltre, occorre ripensare a ulteriori finestre pensionistiche, oltre alla possibilità dopo 30 anni di insegnamento di poter svolgere altre funzioni rispetto alla didattica frontale: la professione è ad alto rischio burnout”.

Aspettiamo l’intervento di Luciano Cecchin rappresentante del comitato colui che con obiettività e incontrando tutte le forze politiche ha il quadro completo della situazione.

La puntata de L’angolo della scuola andata in onda oggi sarà replicata sabato 6 settembre alle ore 22 su Radio Hemingway per  ascoltarci cliccate

 

http://www.radiohemingway.net/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...